Renato-Rascel
tao

MENU

CONTATTI

logoorizzontalebianco

65. TAORMINA FILM FEST

c/o Videobank Spa
Via Vittorio Emanuele III n. 178 Belpasso (CT),  95032 ITALIA
E-mail taorminafilmfest@videobank.it

COPYRIGHT 2019 © TAORMINA FILM FEST . ALL RIGHT RESERVED. 

Sito Web realizzato da Flazio Experience

F E S T I V A L    N E W S

TAORMINA FILM FEST 2019

16/06/2019, 16:47



Taormina-ricorda-Zeffirelli


 



di Marco Fallanca

Profondo cordoglio ha suscitato a Taormina la notizia della scomparsa del maestro Franco Zeffirelli. La sua sconfinata vicenda artistica intesse un imprescindibile rapporto con la Sicilia e con Taormina appena qualche anno dopo le celebri trasposizioni shakespeariane e il documentario sulla tragica alluvione di Firenze, incrociando la Perla dello Jonio proprio in puntuale concomitanza di alcuni dei suoi maggiori e più celebrati successi. 
Nel 1972 - annus mirabilis per ’Fratello sole, sorella luna’ che gli valse il secondo David in carriera - alcuni storici scatti lo immortalano nel fiore degli anni al fianco di un’ancora raggiante e floreale versione di Liz Taylor, accompagnata dal marito Richard Burton. Un legame quello con Taormina che avrebbe poi rinnovato, in seno alla fortunata e intensa stagione operistica tra New York e Milano, nel ’73, come lo si ricorda beato e un po’ naïf in uno spensierato quartetto di primordine che annovera altre tre indimenticate leggende del grande schermo: Luigi Magni, Alberto Sordi e Monica Vitti. E proprio l’estate taorminese del ’73, che a Sordi aveva fruttato un David per ’Lo scopone scientifico’ di Comencini con Bette Davis e Silvana Mangano, sarebbe stata per la Vitti, appena reduce da ’La Tosca’ di Magni, preludio del terzo David con ’Polvere di stelle’ del solito Albertone e di quello per ’L’anatra all’arancia’ di Luciano Salce. Uno scatto "premonitore" di grandi eccellenze della settima arte e di percorsi artistici che si intrecciano, si incrociano e si rinnovano.
In settant’anni di carriera, Zeffirelli incrocia nuovamente Taormina dopo tre David - uno Europeo - un Nastro e una nomination all’Oscar, alla vigilia di un nuovo successo: quello di ’Amleto’ con Mel Gibson, Glenn Close e Helena Bonham Carter. È il 1991 e, come ricorda il Segretario generale di Taormina Arte Ninni Panzera, per la stagione di prosa diretta da Gabriele Lavia l’appuntamento più significativo è la rappresentazione di ’Sei personaggi in cerca d’autore’, con Enrico Maria Salerno e altri 21 attori tra i quali spiccano Regina Bianchi e Benedetta Buccellato. Una messa in scena alquanto travagliata, il debutto rinviato di ventiquattro ore per cause a dir poco imprevedibili: la protesta dei pescatori messinesi che con le loro "spadare" bloccano lo Stretto, paralizzando l’esodo estivo. Tra i mezzi rimasti fermi in coda c’è il tir che deve portare a Taormina le scenografie per lo spettacolo. «In un periodo in cui i social non esistevano - racconta Panzera - abbiamo messo in piedi una macchina di comunicazione per la quale la sera in teatro arrivarono appena tre turisti giapponesi. All’epoca l’agibilità era di 7.500 spettatori. La tensione di quella sera e l’emozione dei tre sold out dopo il debutto sono ricordi indelebili». Lo ricorda con commozione anche il co-direttore artistico del TaorminaFilmFest Gianvito Casadonte, che ne loda «l’eleganza innata, la ricerca dei particolari ereditata da Visconti e la poesia dietro la macchina da presa de ’Il campione’, ’Amore senza fine’, ’Il giovane Toscanini’». Gli fa eco anche la collega Silvia Bizio che condivide un personale ricordo: «Nei miei trenta e più anni come corrispondente da Hollywood per Repubblica, ho avuto l’onore di incontrare Franco Zeffirelli più di una volta in occasione del lancio dei suoi film negli States, circondato dai suoi attori adoranti: da Mel Gibson per ’Amleto’, o da Cher, Maggie Smith, Lily Tomlin e Judy Dench per ’Un tè con Mussolini’. Cher ricordava come Zeffirelli le facesse vedere, impersonandola lui stesso, come muoversi nei panni di Elsa. "Franco è una diva più di me, era perfetto nel modo in cui la interpretava!" diceva ridendo Cher. Mel Gibson nutriva seri dubbi iniziali ma alla fine accettò perfino di farsi crescere la barba, come gli aveva chiesto Zeffirelli, per un Amleto che temeva lo invecchiasse troppo. Zeffirelli era grande, era poetico, viveva per l’arte e lo si avvertiva standogli vicino». Taormina Arte e il Taormina Film Fest si uniscono al cordoglio per la perdita di un grande maestro.


13/06/2019, 17:31



Il-programma-completo-della-65^-edizione


 11 anteprime mondiali, 17 europee e 14 nazionali. Ma anche 9 lungometraggi fuori concorso (di cui 4 anteprime mondiali, 1 europea e 4 nazionali), il ritorno serale di sette attesi titoli del grande cinema internazionale al Teatro Antico



11 anteprime mondiali, 17 europee e 14 nazionali. 
Ma anche 9 lungometraggi fuori concorso (di cui 4 anteprime mondiali, 1 europea e 4 nazionali), il ritorno serale di sette attesi titoli del grande cinema internazionale al Teatro Antico e una selezione di 18 cortometraggi



13/06/2019, 17:13



Tutto-pronto-per-il-65°-Taormina-Film-Fest,-oggi-la-conferenza-stampa-di-presentazione


 Le sezioni del Concorso prevedono complessivamente 11 anteprime mondiali, 17 europee e 14 nazionali.



La sessantacinquesima edizione del Taormina FilmFest, che si svolgerà dal 30 giugno al 6 luglio 2019, è fiera di annunciare l’anteprima europea del film Spider-Man: Far From Home, che sarà proiettato al Teatro Antico la sera del 5 luglio. 
Il film, diretto da Jon Watts e interpretato da Tom Holland, Michael Keaton, Zendaya, Marisa Tomei, Jake Gyllenhaal, Cobie Smulders e Samuel L. Jackson uscirà in Italia il 10 luglio, distribuito da Sony Pictures Italia/Warner Bros. Pictures Italia e riprende il filo degli eventi di Avengers: Endgame. 
In vacanza in Europa con i suoi migliori amici e con il proposito di non indossare i panni del supereroe per alcune settimane, Peter Parker dovrà aiutare Nick Fury a svelare il mistero degli attacchi di creature elementari che stanno creando scompiglio in tutto il Continente.

Il prestigioso premio Taormina Arte Award 2019 verrà conferito alle attrici Premio Oscar Nicole Kidman e Octavia Spencer (The Help), produttrice esecutiva della nuova serie tv della Apple Truth Be Told. Spetterà a Ladies in Black, il nuovo film del regista australiano Bruce Beresford (A spasso con Daisy), l’onore di inaugurare la storica rassegna. Beresford sarà presente insieme alla protagonista Julia Ormond e agli altri attori del film.Il Festival, che quest’anno avrà come madrina l’attrice e modella spagnola Rocío Muñoz Morales, e sarà presentato, nelle serate al Teatro Antico, dalla conduttrice e attrice Carolina Di Domenico, è prodotto e organizzato per il secondo anno consecutivo da Videobank, in collaborazione con la Fondazione Taormina Arte (sostenuta dall’Assessorato regionale al Turismo e dal Comune di Taormina), con la direzione artistica di Silvia Bizio e Gianvito Casadonte.

Le sezioni del Concorso prevedono complessivamente 11 anteprime mondiali, 17 europee e 14 nazionali.
La linea editoriale propone, inoltre, 9 lungometraggi fuori concorso - di cui 4 anteprime mondiali, 1 europea e 4 nazionali - il ritorno serale di sette attesi titoli del grande cinema internazionale al Teatro Antico e una selezione di 18 cortometraggi.
Oliver Stone - che presenterà il documentario Revealing Ukraine di Igor Lopatonok, di cui è produttore esecutivo - sarà il Presidente della Giuria per la sezione lungometraggi, giuria in cui figureranno, tra gli altri, lo scrittore Andre Aciman (Chiamami col tuo nome), il compositore Carlo Siliotto (La misma luna; Istruzioni non incluse), l’attrice Julia Ormond, la montatrice Elisa Bonora, l’attrice Carolina Crescentini e il regista Paolo Genovese. 

Nella giuria documentari, la produttrice e fondatrice dell’azienda Anonymous Content, Bedonna Smith, l’attrice Donatella Finocchiaro e il regista Andrea Pallaoro.Tra gli eventi speciali al Teatro Antico, la prima mondiale del nuovo film di Mimmo Calopresti, Aspromonte - La terra degli ultimi, con Marcello Fonte e Francesco Colella, che saranno presenti a Taormina con il regista. Interpretato anche da Valeria Bruni Tedeschi e Marco Leonardi, con la partecipazione di Sergio Rubini, il film, che sarà distribuito in settembre da IIF, è ambientato ad Africo, alla fine degli anni Cinquanta, dove una donna muore di parto perché il dottore non riesce ad arrivare in tempo e non esiste una strada di collegamento... 

Altra proiezione speciale, la prima italiana di Yesterday, nuovo film di Danny Boyle, incentrato sui Beatles, con Himesh Patel e Lily James e l’attesissimo Amazing Grace, con Aretha Franklin da giovane. 
Quarantanove anni dopo "Non si uccidono così anche i cavalli?" - vincitore del "primo" Cariddi d’Oro nel 1970, quando Gian Luigi Rondi introdusse la sezione competitiva - Amazing Grace è un docufilm postumo girato da Sidney Pollack e testimonia il successo dell’album più venduto di una giovane Aretha Franklin che, insieme al Southern California Community Choir e al reverendo James Cleveland, nel 1972 saliva sul pulpito di una chiesa battista per tenere un concerto di due giorni, aperto al pubblico. Il film, però, non fu mai terminato a causa di un imperdonabile errore tecnico che non permise a Pollack di sincronizzare il suono. Incredibile, ma vero: mancava il ciak sul set!

Il festival ospiterà anche la prima italiana del documentario Sea of Shadows, vincitore del Premio del Pubblico allo scorso Sundance Film Festival, diretto dall’austriaco Richard Ladkani e prodotto dalla compagnia di Leonardo DiCaprio. Il doc, che andrà in onda in Italia su National Geographic (Sky, 403) nel 2020, segue un gruppo di attivisti guidati dall’italiano Andrea Crosta - che sarà presente a Taormina con il regista - che lottano per salvare dall’estinzione la vaquita, la più piccola balena al mondo, scontrandosi contro i cartelli messicani e la mafia cinese. Andrea Crosta e Richard Ladkani prenderanno parte, mercoledì 3 luglio a una tavola rotonda - moderata dalla co-direttrice artistica del festival, Silvia Bizio - che racconterà i rischi di girare film ’sotto copertura’ e in situazioni di estremo pericolo per la propria incolumità. All’incontro parteciperanno altri registi e produttori che rischiano la vita per portare al pubblico realtà difficili e i cui film saranno proiettati nel corso del festival.

Un’altra tavola rotonda sarà dedicata alle donne registe e produttrici, mentre il regista Peter Greenaway e l’attore Riccardo Scamarcio sono due dei protagonisti delle tante masterclass previste. 

Tra gli altri ospiti, Kasia Smutniak con il film Dolce Fine Giornata, di Jacek Borcuch, premiato al Sundance Film Festival e alcuni membri del Ghana Actor’s Guild, che accompagneranno la prima europea del film Azali, diretto da Kwabena Gyansah. Fra i numerosi film Spiral Farm, che sarà presentato dal regista e dall’attrice protagonista: debutto alla regia di Alec Tibaldi, figlio del regista Antonio Tibaldi, è interpretato da Piper De Palma, figlia di Brian De Palma.Al festival sarà presente anche la Apple, che annuncia il proprio ingresso ufficiale in un festival internazionale, presentando la sua nuova serie drammatica Truth Be Told, creata da Nichelle Tramble e ispirata dal romanzo di Kathleen Barber. La Apple presentera’ a Taormina il documentario The Elephant Queen, diretto da Mark Deeble e Victoria Stone e il film Hala, diretto da Minhal Baigper la produzione esecutiva di Jada Pinkett Smith. 
Altro film in anteprima italiana La fattoria dei nostri sogni, di John Chester, che sarà distribuito al cinema da Teodora Film a partire dal prossimo 5 settembre, l’incredibile storia vera, inno luminoso a Madre Natura, di una coppia californiana in fuga dalla città per costruire dal nulla la fattoria sempre desiderata. In programma la première mondiale di I’ll Find You, di Martha Coolidge (prodotto da Fred Roos, socio storico di Francis Ford Coppola), mentre le selezioni narrative includeranno la prima italiana di All Is True, di e con Kenneth Branagh, interpretato da Judi Dench e Ian McKellen e Tolkien, di Dome Karukoski, interpretato da Nicholas Hoult e Lily Collins, che uscirà in Italia il 26 settembre distribuito da 20th Century Fox: la storia biografica dell’autore de Il Signore degli Anelli, che racconta il ragazzo e l’uomo, lo scrittore e lo studioso, dietro alle sue immense opere. 
Tra gli ospiti della serata finale anche Carly Paoli, soprano di fama internazionale e di origini italiane che ha già incantato le platee di tutto il mondo, dal Carnegie Hall ai Fori Imperiali.

La locandina del festival è dedicata al gioco sensuale mirabilmente personificato dalla celebre scena del ballo del film "Il conformista" di Bernardo Bertolucci, a cui viene tributato un omaggio alla memoria.

SkyTg24, Radio Monte Carlo, Società Editrice Sud, F e MyMovies sono media partner dell’evento.



1233

A R T I C O L I    C O R R E L A T I

TeatrodiTaormina3

NEWSLETTER

I S C R I V I T I      A L L A      N E W S L E T T E R

Rimani aggiornato su tutte le novità del Taormina film Fest

Web agency - Creazione siti web CataniaCreare un sito e-commerce