Programma
Taormina Arte Awards
Il Grande Cinema al Teatro Greco
Lezioni di Cinema
Italiafilmfest
Lungometraggi
Italiafilmfest
Documentari
Italiafilmfest Cortometraggi
Eventi speciali
Le giurie
Mostra-mercato
del libro del cinema
Taormina Arte
PHOTO Gallery
Rassegna stampa
Accrediti
Notizie utili
Contatti
Regolamento
TFF 2005
TFF 2004
TFF 2003
TFF 2002
TFF 2001
HOME
 
Utenti attivi:
 

 

 

 

 

 

::: Grande Cinema al Teatro Greco :::

Il fantasma dell'opera

:: SCHEDA

Reg./Dir.:
Rupert Julian
Scen./Script:
Elliott Clawson
tratto dal romanzo di/based upon the
novel by Gaston Leroux
Fot./Phot.:
Charles Van Enger
Milton Bridenbecker
Virgil Miller
Mont./Ed.:
Edward Curtiss
Maurice Pivar
Gilmore Walker
Scg./Art Dir.:
Ben Carré
Mus.:
Gustav Hinrichs
(colonna sonora/score 1925)
Cast:
Lon Chaney (Erik The Phantom)
Mary Philbin (Christine Daae)
Norman Kerry (Raoul de Chagny)
Snitz Edwards (Florine Papillon)
Gibson Gowland (Simon Buquet)
John Sainpolis (Phillipe de Chagny)
Virginia Pearson (Carlotta)
Arthur Edmund Carewe (Ledoux)
Prod.:
Universal Studios, LA
Distr.:
Universal/Jewel, LA
Dati tecn./Tech. data:
USA, Prima: 9 giugno 1925
92’ / b/n / muto


:: TRAMA

Christine Daae, all’Opera di Parigi, viene guidata al successo da una voce misteriosa che proviene dalle pareti del suo camerino. La voce appartiene a un uomo misterioso il cui volto è coperto da una maschera, che invita la donna a lasciare il suo fidanzato e a continuare la carriera da cantante. Christine finge di accettare ma il Fantasma, scoperto l’inganno, la rapisce e la porta nei sotterranei del teatro...

:: BIOGRAFIA REGISTA

GIOVANNI RENZO
Nato a Messina nel 1962, si diploma al Conservatorio “Corelli” della sua città natale in Pianoforte Principale nel 1986, perfezionandosi in seguito a Roma con Martin Joseph, ai Seminari Nazionali di Musica Jazz di Siena con Enrico Pieranunzi e Bruno Tommaso, alla Berklee Summer School di Perugia con Bud Fredman in composizione e orchestrazione, e all’Accademia Musicale Chigiana di Siena con Ennio Morricone e Sergio Miceli in musica per film. Il suo esordio professionale avviene nel 1979 in qualità di pianista jazz. Nel 1986 forma, con il bassista Pippo Mafali e il batterista Angelo Tripodo, un trio che ha al suo attivo, tra l’altro, collaborazioni con Paolo Fresu, Gianluigi Trovesi, Giulio Capiozzo, Bradley Wheeler, Faisal Taher. Fonda e dirige, inoltre, la Messina Jazz Orchestra nel 1994. Si esibisce regolarmente in concerti e festival in tutta Italia, alternando l’attività concertistica all’insegnamento e alla composizione. Scrive musica per pianoforte e per vari organici cameristici e orchestrali, rivolgendosi con particolare impegno al teatro e al cinema. La sua prima incisione, Eclisse, del 1989 raccoglie composizioni per piano solo. Partecipa nel 1996 al 50° Fringe Festival di Edimburgo, esibendosi per tre sere alla Demarco European Art Foundation con lo spettacolo Partitura per sangue e anima. Sempre nel ’96 ha ultimato la composizione dell’opera La distanza della Luna, andata in scena in prima assoluta nel gennaio ’97 al Teatro V. Emanuele di Messina. Con la composizione Le tempeste ha vinto nel 1999 la terza edizione del Concorso Nazionale di Composizione Pianistica indetto dall’Associazione Culturale “De Musica” di Savona. Nel 2001 esce il Cd Il mare registrato con Paolo Fresu e il Quintetto Suono e Ritmo. Nel gennaio 2002 va in scena la performance multimediale Il gabinetto del dottor Caligari, liberamente ispirata all’omonimo film di Robert Wiene, con la Compagnia Virgilio Sieni Danza. Per il cinema ha al suo attivo la realizzazione ed esecuzione dal vivo di musiche per film muti (Aurora di Murnau, Il gabinetto del dottor Caligari di Wiene, Musica classica di Roach, Cops di Keaton, Viaggio alla Luna di Melies); composizione di colonne sonore e collaborazioni con i registi Francesco Calogero (Visioni private), Anne Riitta Ciccone (L’amore di Màrja), Citto Maselli (ripresa teatrale di Codice privato), Nanni Moretti. L’equilibrio tra improvvisazione e composizione è il tratto distintivo della musica di Giovanni Renzo. Il carattere personalissimo delle sue composizioni rende inesaustiva qualsiasi definizione univoca.

 

 

  

:: FILMOGRAFIA


Termini di utilizzo | Sito creato da Tina Berenato, ospitato e realizzato da Taonet S.r.l.