Programma
Taormina Arte Awards
Il Grande Cinema al Teatro Greco
Lezioni di Cinema
Italiafilmfest
Lungometraggi
Italiafilmfest
Documentari
Italiafilmfest Cortometraggi
Eventi speciali
Le giurie
Mostra-mercato
del libro del cinema
Taormina Arte
PHOTO Gallery
Rassegna stampa
Accrediti
Notizie utili
Contatti
Regolamento
TFF 2005
TFF 2004
TFF 2003
TFF 2002
TFF 2001
HOME
 
Utenti attivi:
 

 

 

 

 

 

Italiafilmfest - Documetari

:: TITOLO

Sessantotto - L'utopia della realtÓ

:: SCHEDA

Reg./Dir.:
Ferdinando Vicentini Orgnani
Fot./Phot. & Mont./Ed.:
Ferdinando Vicentini Orgnani
Testi/Text by:
Adalberto Baldoni
Prod.:
Istituto Luce, Europroduzione, AKS
Istituto Luce, Rome
Contact: Maria Antonietta Curione
Tel. +390672992274
E-mail: m.curione@luce.it
Dati tecn./Tech. data.:
Italia / Italy 2006
90’


:: TRAMA

Come può definirsi il Sessantotto? Cosa è stato realmente il Sessantotto? Una serie di episodi imprevisti anche se concatenati l’uno all’altro in diverse aree geografiche; un accadimento circoscritto in un determinato arco temporale; un movimento filosofico-culturale che ha mirato a riaffermare la forza della ragione, dando vita a un secondo Illuminismo; un “fatto” provocato da chi voleva scardinare o indebolire gli assetti socio-politici delle istituzioni in alcuni Stati; una rivolta pilotata dalla nuova sinistra che è riuscita a captare le nuove contraddizioni della società industriale avanzata? Nel film di Vicentini Orgnani, ricco di accadimenti anche inediti e di ben 41 testimonianze dei protagonisti (tra cui Lawrence Ferlinghetti, Judith Malina e Hanon Reznikov del Living Theatre, Jack Hirschman e Ira Cohen, Larry Keenan, Mario Capanna, Franco Piperno, Oreste Scalzone, Massimo Cacciari, Erri De Luca, Francesco Guccini, Luciana Castellina, Marco Boato, il sociologo francese Alaine Touraine, la sociologa tedesca Rénaté Siebert della Scuola di Francoforte, Adriano Sofri), raccolte in un anno di lavoro, sia in Italia che all’estero, risalta con forza che il Sessantotto è stato come un incendio di vaste proporzioni che si è propagato in ogni parte del mondo.

:: BIOGRAFIA

FERDINANDO VICENTINI ORGNANI

Nato a Milano il 23 settembre 1963, dopo il liceo studia chitarra classica e composizione negli Stati Uniti. Rientrato in Italia si trasferisce a Roma nel 1986 dove frequenta il laboratorio di Gigi Proietti e inizia a girare i primi documentari. Nel 1990 vince una borsa di studio in Regia al Centro Sperimentale di Cinematografia. Il suo saggio di diploma Aprocrifi sul caso Crowley tratto da un racconto di Sciascia è finalista all’oscar delle scuole di cinema e vincitore di diversi festival. Oltre alla produzione esecutiva di Viva Zapatero di Sabina Guzzanti, con ALBA Produzioni ha realizzato: Zulu Meets Jazz con Paolo Fresu, Racconti dell’altro mondo di Fabio Massimo Lozzi e Rockstalghia di Barison-Tofanetti, tutti in fase di post-produzione. In preparazione La velocità della luce di Andrea Papini.

 

 

  

:: FILMOGRAFIA

1998
Mare largo
2001
Hannover
2003
Ilaria Alpi: il più crudele dei giorni
2006
Sessantotto – L’utopia della realtà
Zulu Meets Jazz (post prod.


Termini di utilizzo | Sito creato da Tina Berenato, ospitato e realizzato da Taonet S.r.l.