Programma
Taormina 50
Taormina Arte Awards for Cinematic Excellence
Grande Cinema
al Teatro Antico
Cinema dal Mondo
Nastri d'Argento
I debutti di Taormina: Premio BNL
miglior film opera prima

I debutti di Taormina:
Premio BNL
I Corti Siciliani

Le lezioni di cinema
Taormina 50
Il grande cinema del passato
Concorso per la
migliore vetrina
Pubblicazioni
Il partner BNL
Taormina Arte
PHOTO Gallery
Rassegna stampa
Conferenze Stampa
Accrediti
Notizie utili
Contatti
TFF 2001
TFF 2002
TFF 2003
HOME
 
Utenti attivi:

 

:: TAORMINA 50 IL GRANDE CINEMA DEL PASSATO ::

IL DECAMERON

:: SCHEDA

Il Decameron
Reg./Dir.:
Pier Paolo Pasolini
Sogg./Story
Tratto da “Il Decamerone” di Giovanni Boccaccio
Scen./Script:
Pier Paolo Pasolini
Fot./Phot.:
Tonino Delli Colli
Mont./Ed.:
Nino Baragli
Tatiana Casini Morigi
Mus.:
Ennio Morricone
Pier Paolo Pasolini
Scg./Art Dir.:
Dante Ferretti
Cos.:
Danilo Donati
Int./Cast:
Franco Citti (Ser Ciappelletto)
Ninetto Davoli (Andreuccio Da Perugia)
Jovan Jovanovic (Rustico)
Vincenzo Amato (Masetto Da Lamporecchio)
Angela Luce (Peronella)
Giuseppe Zigaina (Frate)
Pier Paolo Pasolini (Giotto)
Elisabetta Genovese (Caterina)
Vincenzo Ferrigno (Giannello)
Guido Alberto (Ricco Mercante)
Vittorio Vittori (Don Giovanni)
Enzo Spitaleri (Frate)
Gianni Rizzo (Padre Superiore)
Patrizia De Clara (Suora)Prod.:
Franco Rossellini, P.E.A. (Roma)
Les Productions Artistes Associes (Parigi)
Artemis Film (Berlino)
Orig.:
Italia 1971
114’ / v.o. italiano / 35 mm


:: TRAMA

Il film racconta alcune novelle del Boccaccio, cui fanno da legame, nella prima parte, la storia di Ser Cepperello che, ingannando un prete con una falsa confessione, si vede trasformato in Ser Ciappelletto e adorato come santo, nella seconda, un pittore impegnato in un affresco, Andreuccio, si fa derubare di tutti i suoi soldi da una giovane che si finge sua sorellastra, per poi ritrovare la fortuna spogliando dei suoi gioielli la salma di un vescovo. Spacciandosi per sordomuto, Masetti viene accolto in un convento di suore, dalle quali si lascia sedurre, per poi crollare esaurito. Lisabetta, cui i fratelli hanno ucciso il giovane amante, taglia la testa al cadavere per conservarla in casa sotto una pianta di basilico. Caterina e Ricciardo, dopo essersi amati, vengono uniti in matrimonio dagli stessi compiaciuti genitori della giovane. Tingoccio torna dall'aldilà per rivelare al timorato Meuccio che far all'amore non è considerato un peccato. Fingendo di volerla trasformare in cavalla, Danno Gianni si gode la moglie di un ingenuo contadino. L'infedele Paronella induce il marito a entrare in una giara, per impedirgli di scoprire il suo amante, al quale subito si concede.

:: BIOGRAFIA

Pier Paolo Pasolini
Pier Paolo Pasolini ottiene fama e notorietà molto prima di entrare nell’industria del cinema: poeta già pubblicato all’età di 19 anni, all’epoca della sua prima sceneggiatura nel 1954. aveva già scritto diversi saggi e romanzi. Il suo primo film, Accattone (1961) è tratto da un suo romanzo, e il suo violento ritratto della vita di un protettore nelle borgate di Roma fece molto discutere. Viene arrestato nel 1962, perché il suo contributo al film miscellaneo Laviamoci il Cervello (1962), RoGoPag, è considerato blasfemo; gli viene concessa la condizionale. Ci si potrebbe aspettare che il film seguente, Il Vangelo secondo Matteo (1964) che presenta la storia biblica in uno stile totalmente realistico, essenziale, causi uno scandalo simile, ma in realtà viene acclamato con entusiasmo come uno dei pochi ritratti onesti di Cristo sullo schermo (il titolo omette volutamente l’appellativo di Santo, riferito a Matteo). La carriera cinematografica di Pasolini vedrà alternarsi dunque adattamenti personalissimi (e spesso scandalosamente erotici) dei testi letterari classici (Edipo re (1967) Il Decameron, (1970), I Racconti di Canterbury (1972), Il Fiore delle mille e una notte (1974), e progetti più personali, che esprimono la sua visione controversa di marxismo, ateismo, fascismo e omosessualità, in particolare Teorema (1968), Pigsty e il famosissimo Salò o le 120 giornate di Sodoma (1975), un’impietosa e cupa fusione dell’Italia fascista di Mussolini con il Marchese De Sade, che viene censurata in Italia (e in molti altri paesi) per molti anni. Pasolini viene assassinato in circostanze ancora poco note poco dopo aver completato il film.

 

 

  

:: FILMOGRAFIA

FILMOGRAFIA
Filmography

1961
Accattone
1962
Mamma Roma
1963
La Rabbia,
Ro.Go.Pa.G. (episodio-segment "La Ricotta")
1964
Le Mura di Sana
Sopraluoghi in Palestina per il vangelo secondo Matteo
Il Vangelo secondo Matteo
1965
Il Padre selvaggio
Comizi d'amore
1966
Uccellacci e uccellini
1967
Edipo re
Le Streghe (segment "La Terra vista dalla luna")
1968
Teorema
Capriccio all'italiana (segment "Che cosa sono le nuvole?")
1969
Appunti per un film sull'india
Medea
Porcile
Amore e rabbia (segment "La Sequenza del fiore di carta")
1970
Appunti per un romanzo dell'immondeza
Appunti per una Orestiade africana
1971
Il Decameron
1972
Dodici dicembre 1972
I racconti di Canterbury
1974
Il fiore delle mille e una notte
1975
Salò o le 120 giornate di Sodoma


    Ministero per i Beni e le Attività Culturali [link esterno al sito]  Azienda Autonoma di Soggiorno e Turismo [link esterno al sito]  L'Unione europea in linea [link esterno al sito]      Consorzio per le Autostrade Siciliane
Programma - Taormina 50 - Taormina Arte Awards for Cinematic Excellence - Grande Cinema al Teatro antico - Cinema dal Mondo
I debutti di Taormina: Premio BNL miglior film opera prima - Nastri d'Argento - I debutti di Taormina: Premio BNL I Corti Siciliani
Le lezioni di cinema - Taormina 50 I film italiani del passato - pubblicazioni - Il partner BNL - Gallery - Taormina Arte
Rassegna stampa - Conferenze stampa - Contatti - TFF 2001 - TFF 2002 - TFF 2003 - HOME -
Termini di utilizzo | Sito Web creato ed ospitato da Taonet S.r.l.
Torna IndietroTorna Indietro