Programma
Taormina 50
Taormina Arte Awards for Cinematic Excellence
Grande Cinema
al Teatro Antico
Cinema dal Mondo
Nastri d'Argento
I debutti di Taormina: Premio BNL
miglior film opera prima

I debutti di Taormina:
Premio BNL
I Corti Siciliani

Le lezioni di cinema
Taormina 50
Il grande cinema del passato
Concorso per la
migliore vetrina
Pubblicazioni
Il partner BNL
Taormina Arte
PHOTO Gallery
Rassegna stampa
Conferenze Stampa
Accrediti
Notizie utili
Contatti
TFF 2001
TFF 2002
TFF 2003
HOME
 
Utenti attivi:

 

::: LEZIONI DI CINEMA :::

SALVATORE GIULIANO

:: SCHEDA

Reg./Dir.:
Francesco Rosi
Sogg./Story &
Scen./Script:
Francesco Rosi
Suso Cecchi D’Amico
Enzo Provenzale
Franco Solinas
Fot./Phot.:
Gianni Di Venanzo
Mont./Ed.:
Mario Serandrei
Mus.:
Piero Piccioni
Scg./Art Dir.:
Sergio Canevari
Carlo Egidi
Cos.:
Marilù Carteny
Int./Cast:
Frank Wolff (Gaspare Pisciotta)
Salvo Randone (Presidente Corte d’Assise)
Federico Zardi (Avvocato di Pisciotta)
Pietro Cammarata (Salvatore Giuliano)
Nando Cicero (Un bandito)
Sennuccio Benelli (Giornalista)
Giuseppe Calandra (Sottufficiale dei Carabinieri in borghese)
Max Cartier (Francisco)
Pietro Franzone (Declamatore inno separatista)
Giovanni Gallina (Picciotto)
Vincenzo Norvese (Picciotto)
Renato Pinciroli (Pinciroli)
Giuseppe Teti (Giovane pastore)
Cosimo Torino (Frank Mannino)
Bruno Ukmar (Confidente)
Prod.:
Franco Cristaldi
Orig.:
Italia / Italy 1961
107’ / v.o. italiano / 35 mm


:: TRAMA

Il film racconta la vita del bandito Salvatore Giuliano, seguace del Separatismo e controverso eroe del popolo siciliano. Colpevole dell’assassinio di un carabiniere, Giuliano si nasconde nella brulla campagna dell’isola e ivi organizza una banda di fuorilegge, per arruolarsi tra le file dell’esercito separatista con cui porta in atto delle feroci scorribande in nome della libertà. Poi, quando il movimento viene sciolto, abbandonato dagli alleati e solo con i suoi uomini più fedeli, Giuliano torna a dedicarsi al brigantaggio macchiandosi di efferati delitti, che culminano nel massacro di Portella della Ginestra nel quale perdono la vita undici persone e ne restano gravemente ferite altre trentatré. Da quel momento il governo istituisce un corpo speciale di polizia impegnato nella lotta alla mafia e al banditismo, per il quale Giuliano diviene il principale obiettivo: fino a quando, il 5 luglio 1950, viene trovato morto davanti a una casa di Castel Vetrano.

:: BIOGRAFIA

Francesco Rosi è nato a Napoli nel 1922. Dopo una breve esperienza radiofonica e teatrale si accosta al cinema, scrivendo sceneggiature e lavorando con alcuni dei maggiori registi dell’epoca come Zampa in Processo alla città (1952), Antonioni ne I vinti (1953) e Visconti in La terra trema (1950), Bellissima (1952) e Senso (1954). In queste collaborazioni ha sviluppato un forte interesse per la realtà e la vita politica e sociale italiana, interesse che Io guiderà nella scelta di soggetti di impegno civile e politico. Nel 1952 porta a termine Camicie rosse, lasciato incompiuto da G. Alessandrini, per esordire alla regia nel 1956, con La sfida, in cui affronta il tema della camorra nei mercati generali di Napoli. Il film era svolto con le tecniche proprie dei film gangster americani. Nel 1959 dirige I magliari, amara testimonianza sul malcostume di certa emigrazione italiana in Germania. Con Salvatore Giuliano (1961), raggiunge la sua maturità artistica e riesce a ritagliare uno spazio lirico all’interno di un film-documento su una delle vicende più torbide della storia italiana del Novecento. Con Le mani sulla città (1963), cronaca-storia del neorealismo nella decisa denuncia della speculazione edilizia a Napoli, vince il Leone d’oro al Festival di Venezia. Questo premio sancisce la sua definitiva consacrazione come uno dei più rappresentativi e interessanti registi italiani, confermata anche dalle sue opere successive come Uomini contro (1970), manifesto antimilitarista tratto dal romanzo di Emilio Lussu. Dopo Il momento della verità (1965) e C’era una volta... (1967), torna al cinema politico con Il caso Mattei (1972), che sollevava interrogativi inquietanti sull’oscura fine del fondatore dell’ENI, Lucky Luciano (1973) e Cadaveri eccellenti (1976), tratto dal romanzo Il contesto di Leonardo Sciascia. Di matrice letteraria saranno anche i film successivi: Cristo si è fermato a Eboli (1979) dal capolavoro di Carlo Levi, Tre fratelli (1981), il filmopera Carmen (1984), Cronaca di una morte annunciata (1987) da Gabriel García Márquez. Con Dimenticare Palermo (1990), riprende il filone che lo aveva reso celebre negli anni Settanta. Il suo ultimo film, La tregua, tratto dal celebre romanzo di Primo Levi è del 1997.

 

 

  

:: FILMOGRAFIA

FILMOGRAFIA
Filmography
1952
Camicie Rosse (Anita Garibaldi)
1958
La sfida (The challenge)
1959
I magliari (The Magliari)
1961
Salvatore Giuliano
1963
Le mani sulla città (Hands over the City)
1965
Il momento della verità (The Moment of Truth)
1967
C’era una volta (More Than a Miracle)
1970
Uomini Contro (Many Wars Ago)
1972
Il caso Mattei (The Mattei Affair)
1973
Lucky Luciano
1976
Cadaveri eccellenti (Illustrious Corpses)
1978
Cristo si è fermato a Eboli (Christ Stopped at Eboli)
1981
Tre fratelli (Three Brothers)
1984
Carmen (Bizet’s Carmen)
1987
Cronaca di una morte annunciata (Chronicle of a Death Foretold)
1990
Dimenticare Palermo (To Forget Palermo)
1997
La tregua (The Truce)


    Ministero per i Beni e le Attività Culturali [link esterno al sito]  Azienda Autonoma di Soggiorno e Turismo [link esterno al sito]  L'Unione europea in linea [link esterno al sito]      Consorzio per le Autostrade Siciliane
Programma - Taormina 50 - Taormina Arte Awards for Cinematic Excellence - Grande Cinema al Teatro antico - Cinema dal Mondo
I debutti di Taormina: Premio BNL miglior film opera prima - Nastri d'Argento - I debutti di Taormina: Premio BNL I Corti Siciliani
Le lezioni di cinema - Taormina 50 I film italiani del passato - pubblicazioni - Il partner BNL - Gallery - Taormina Arte
Rassegna stampa - Conferenze stampa - Contatti - TFF 2001 - TFF 2002 - TFF 2003 - HOME -
Termini di utilizzo | Sito Web creato ed ospitato da Taonet S.r.l.
Torna IndietroTorna Indietro