Programma
 
Sezioni
Diamond Awards
Nastri D'Argento
Grande Cinema
Made in English
Philip Morris
Progetto Cinema
Tributo a:
Luigi Comencini
Franco Indovina
I Siciliani
 
__________________
 
TFF a Cannes 2001
Backstage TFF
For Press
TFF2001 - ANEM
History
I nostri sponsor
Taormina Arte
Home
English version
Utenti attivi:

Signore & Signori

Il film è stato restaurato dalla
DEAR Cinestudi

in collaborazione con la
Fondazione Scuola Nazionale di Cinema - Cineteca Nazionale

Reg.:
Pietro Germi

Sogg.:
Pietro Germi
Luciano Vincenzoni

Scen.:
Age e Scarpelli
Luciano Vincenzoni
Pietro Germi

Fot.:
Aiace Parolin

Mont.:
Sergio Montanari

Mus.:
Carlo Rustichelli

Scg.:
Carlo Egidi

Int.:
Virna Lisi (la cassiera Milena)
Gastone Moschin (il ragionier Osvaldo Bisigato)
Alberto Lionello (Toni Gasparini)
Olga Villi (Ippolita Gasparini)
Beba Loncar (Noemi Castellani)
Franco Fabrizi (Lino Benedetti, il negoziante di scarpe)
Nora Ricci (Gilda Bisigato)
Gigi Ballista (il professor Giacinto Castellan)
Gia Sandri (Betty Soligo)
Quinto Parmeggiani (l'architetto Giovanni Soligo)
Moira Orfei (Giorgia Casellato)
Aldo Puglisi (il carabiniere Mancuso)
Alberto Rabagliati (il commendator Scodeller)
Patrizia Valturri (Alda Cristofoletto)
Stefano Satta Flores (C. S. C.)

Prod.:
Dear Film Produzione e R. P. A. Roma - Les Film du Siècle Parigi

Orig.:
Italia 1965
118' / v.o. italiano / 35mm

Il film si apre con una serie di immagini della città in cui si svolge la vicenda (Treviso e dintorni). Le storie raccontate sono tre e l'arco narrativo si svolge nell'ambito della medesima cerchia di amici. Nella prima storia la protagonista è la simulata impotenza d'un astuto dongiovanni, il quale confida le sue angosce ad un amico medico. Costui non resiste alla tentazione di propagare tanta ghiotta novità ma dovrà poi pentirsene: la falsa confidenza gli era stata fatta perché distogliesse la sua gelosa vigilanza dalla propria moglie, giovane e sciocca. Nel secondo episodio un modesto impiegato di banca, afflitto da una moglie insopportabile, che sogna di prendere il volo con una compiacente cassiera di un bar. Il progetto viene però troncato sul nascere dalla consorte, abilissima nel montare uno scandalo che priva il pover'uomo d'ogni possibilità (persino dell'impiego), salvo quella di tornare, rassegnato, nel seno della detestata famiglia. Una ragazzotta del contado - questo il terzo episodio - scende in città per fare delle compere. Incappa nella rete d'un "giro" di dongiovanni locali che ne approfittano. Ma il padre di lei li denuncia poiché la ragazza è minorenne. Lo scandalo mette subito in azione persone e mezzi perché subito se ne soffochi il rumore. Il contadino, convinto da una cospicua somma e dal sacrificio personale della moglie d'uno degli accusati, ritira infatti la denuncia.